LA SECONDA ERA BAGNOLI


Siamo alla stagione 2001-02 con il clamoroso ritorno di Daniele Bagnoli in panchina e la vittoria immediata in Supercoppa Italiana ad Agrigento contro Macerata (dove è finito Gravina, sostituito al centro dal supertalento toscano Alessandro Fei). Bernardi, il capitano, alla sua ultima stagione con Treviso viene nominato "Giocatore del Secolo" dalla FIVB, Van de Goor si ammala e perde la stagione da dicembre in poi, ed alla fine non ci sono grandi soddisfazioni, anche se la finale scudetto contro Modena, eterna rivale, si decide per pochi palloni a favore degli emiliani.

L'estate 2002 è quella di un'altra rivoluzione, l'addio a Bernardi dopo 12 stagioni e quello agli altri veterani come Vullo, come Van de Goor, come il grande Fomin, dà spazio ai giovani e al vivaio inesauribile de La Ghirada: Papi è promosso capitano, tornano Tencati al centro, Vermiglio in regia, Cisolla viene spostato in banda, ben 5 giocatori su 12 vengono dal settore giovanile ed in attacco viene ingaggiato il più alto giocatore della storia-Sisley, l'opposto russo "Stas" Dineikin, 216 centimetri. Una squadra nuova quindi, una scommessa che la società orogranata vince alla grande: regular season sempre condotta in testa, una maturità di gruppo sorprendente, un Grande Slam fallito di un soffio. Già alle Final Eight di Coppa Italia, giocate tra Trento e Bolzano, si sfiora la vittoria nella finale con Macerata, che supera Papi e compagni solo in rimonta al tie break; ma la sconfitta viene metabolizzata in energia positiva, e nella festosa cornice del Palazzo del Turismo di Jesolo la primavera regala la vittoria in Coppa Cev, una sorta di rivincita proprio contro la Lube, una vittoria che consegna definitivamente al nuovo gruppo di Bagnoli la patente di "grande", pronto per le sfide play-off. Nei quarti di finale della post season tocca a Cuneo arrendersi senza troppe resistenze, ma la semifinale mette a dura prova le risorse fisiche e mentali della Sisley, costretta a cinque feroci battaglie contro Milano degli ex Montali e Milinkovic. Ne fa le spese Cisolla, costretto a saltare le gare centrali della serie, ma anche il nipponico Kato fa il suo dovere. Le partite sono splendide, in garatre grazie ad un Fei da fantascienza (oltre il 90% in attacco, 28 punti!) si riemerge da 0-2 al Palaverde, poi alla quinta partita il fattore campo viene rispettato, e si va alla "solita" finale con Modena, targata Kerakoll. Ormai pero' la Sisley è un treno, e dopo la garauno andata male in terra emiliana, ancora due tie break decidono garadue e tre al Palaverde. Ma le risorse dei giovani trevigiani non sono ancora finite, e per la seconda volta nella sua storia la Sisley vince lo scudetto, il suo sesto, proprio nella casa dei rivali storici, il Palapanini, con un muro del bomber Dineikin che fissa il punteggio sul 3-1 finale.

 

La Sisley in cifre


Sponsors dal 1987 al 2010
Sponsors - Anni di presenza
Albo d'Oro campionato
Arbitri nella storia della Sisley
Gli atleti negli anni
Atleti per regione
Gli Allenatori
Albo d'oro - Coppa dei Campioni
Albo d'oro - Coppa CEV
Albo d'oro - Challenge Cup
Età, altezza
Finali & Final Four
Le formazioni della Sisley dal 1987 al 2011
Gare, sets, tie-break
Partite giocate
I numeri di maglia dal 1987 al 2011
Piazzamenti
Preparatori atletici
I sestetti
Sisley in Europa
Tutte le gare ufficiali 1987-2010
La Sisley nei playoff scudetto
Gli orogranata Campioni d'Italia
Sisley - Campione d'Italia
La storia
Abbiamo giocato con...
Gli stranieri
The last point
Vittorie - Sconfitte
CEV Lega Volley FIPAV


Verde Sport Srl, C.F. - P.IVA 03707630269 - capitale sociale € 8.000.000,00 - REA 291790 TV

Privacy Policy

Powered by Marcasite.it